FORESTE

LA FORESTA INCANTATA

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing the ahlo elit sekido eius mod of the tempor incid dunt ulert labore et dolore all the magna aliqua the mlloi bibendum neque egestas congue quisque off egestas. Iaculis nunc sed augue lacus viverra vitae congue eu Lacinia quis vel eros elora bolnt dapibus.

ANIMALI LIBERI

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper 

ITINERARI

ITINERARIO N. 1

COLLE DE PLAN FENETRE

Partenza

Issogne Visey 

Arrivo

Colle de Plan Fenetre

Segnavia

2a

Periodo consigliato 

1/05 – 31/10

Sul ripido e aspro versante del Plan Fenetre , che si apre a 1696 metri sulla dorsale tra la valle della Dora Baltea e la valle di Champorcher, la natura ha realizzato le condizioni per la crescita di un rilevante bosco di faggio. Ma non è soltanto la natura ad avere scritto la sua storia, il Plan fenetre era già noto nell’antichità per la facilità di transito, soprattutto dia montanari di Champorcher . Della transitabilità del colle si era accorto anche l’esercito sabaudo, che ne aveva fortificato la sommità, forse in un quadro di opere difensive predisposte per impedire un attacco a sorpresa del Forte di Bard . Il ricordo delle antiche vicende è presente lassù nella cappella di Sant’Anna, che risale al 1879, e nel robusto trinceramento in pietra che guarda la valle della Dora. Per l’escursione da Issogne si deve imboccare la strada per la fraz. Ronchaille Dessous , e proseguire per la piccola fraz. di Planfey , posta a 836 metri di quota in una conca prativa circondata dalla foresta di faggio e di castagno. Dopo aver lasciato l’automobile nel grande piazzale , si segue per circa 15’ la stradina sterrata che sale in direzione del Plan Fenetre visibile in alto .Poco prima del termine della stradina , in corrispondenza di una curva , si imbocca a sinistra il sentiero che si inerpica nel fitto bosco di betulle e larici . In corrispondenza di un impluvio il sentiero si perde ma è subito visibile sulla destra la sua prosecuzione tra i faggi. Più in alto le piante si diradano e il sottobosco raggiunto dai raggi di sole, si anima di rododendri e mirtilli. Il sentiero serpeggia poi su una dorsale delimitata da due canaloni, quello di destra occupato da ciclopici macigni di antiche frane, fino a quota 1100 metri circa , dove in località la Montagne si incontra un bivio . Si prende allora a destra e si prosegue sulla dorsale di due canaloni. A quota 1300 metri si incontra la presa dell’acquedotto comunale , vicino all’alpeggio di Fontana Fredda. Da questo punto il pendio si impenna, ma il sentiero si mantiene agevole, consentendo si superare facilmente questo tratto, per portarsi all’ingresso dell’antico trinceramento e poi alla cappella sulla spianata del valico. L’escursione richiede almeno tre ore per la salita e un’ora e mezza per la discesa.

0
KM
0
DISLIVELLO
0 mt
QUOTA MASSIMA

4h00

DURATA

E

DIFFICOLTà

ITINERARIO N. 2

COLLE DELLE TERRE ROSSE

Partenza

Issogne Visey 

Arrivo

Colle de Plan Fenetre

Segnavia

2a

Periodo consigliato 

1/05 – 31/10

Il percorso avviene in un ambiente di media montagna, quindi è consigliabile portarsi il vestiario di conseguenza. Inoltre è obbligatorio è provvedere al rifornimento idrico, cosa che può essere fatta direttamente dalle numerose fontane di Visey. Dal parcheggio di Visey Dessus si imbocca la mulattiera che sale all’interno del versante a monte della frazione. Consiglio di iniziare con una andatura molto tranquilla, poiché il primo tratto ha una forte pendenza. Lungo il tratto più ripido si incontrerà sulla destra una costruzione, in cui sono sistemate le vasche di adduzione dell’acquedotto; poco oltre si possono notare i resti di una antica abitazione. Quando il sentiero diventa pressoché pianeggiante, si deve oltrepassare, passando su un ponticello, il piccolo torrente, e si avrà di fronte l’ampio prato del Rosset. Il tragitto prosegue seguendo un sentiero che passa dietro la baita, ormai il tratto più duro è già stato lasciato alle spalle, e si può arrivare all’alpeggio di Brenves con una agevole passeggiata. Dopo una camminata di altri 15-20 minuti, si raggiunge la parte bassa del prato di Brenves. Il percorso prosegue imboccando il sentiero a sinistra che passa dietro l’alpeggio. Si prosegue percorrendo un sentiero (3d) che passa in mezzo ai rododendri e che sale in maniera dolce e dopo circa 30’ si giunge al col de terre rosse. Da qui è possibile ammirare parte della valle di Champorcher e della valle centrale.

0
KM
0
DISLIVELLO
0 mt
QUOTA MASSIMA

2h20

DURATA

E

DIFFICOLTà

SCOPRI ANCORA

ACQUA