GLI ARTISTI

IL CASTELLO LE IMMAGINI CONTATTI LA PARROCCHIA MANIFESTAZIONI
Le tariffe di ingresso
Per informazioni aggiornate sulle tariffe, soggette a variazioni indipendenti dalla Proloco di Issogne, verificare sul sito della Regione Autonoma Valle d'Aosta  (http://www.lovevda.it/it/banca-dati/8/castelli-e-torri/issogne/castello-di-issogne/980)
Novità dell'ultima ora
Nothing important happened today...
Ringrazio...
... l'autrice della parte storica-architettonica riguardante il castello, Sonia Furlan. Gli articoli sono tratti dal sito www.inalto.com.

Notevole il lavoro che ha svolto per ricostruire la planimetria del castello. La ringraziamo davvero.

 

La cartografia del castello
Realizzata da Sonia Furlan, la mettiamo a disposizione di quanti vogliono visitare il castello con la mente, prima che fisicamente.

Ultimo aggiornamento 14 gennaio 2016 19:10

 
Le immagini

Prime immagini del castello, interno ed esterno. La qualità non è eccelsa, ma per ora ho queste!

Gli orari

ISSOGNE (Tel. 0125.929373; apertura annuale)
 

L'ingresso è consentito ad un massimo di 25 persone per ogni turno di visita (ogni mezz'ora)

Orario di visita:

Ingresso accompagnato
L’ultima visita viene effettuata un’ora prima della chiusura

  • Dal 2 gennaio al 24 marzo:
    dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, chiuso il mercoledì
  • Dal 25 marzo al 30 settembre:
    dalle 9.00 alle 19.00, tutti i giorni
  • Dal 1° ottobre al 31 dicembre:
    dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
    chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio

Gli orari sono soggetti a variazioni: si consiglia di verificarli contattando il numero telefonico 0125 929373


N.B. Prevendita biglietti presso il castello per tutta la giornata a partire dall'ora di apertura in progressione fino al completamento dei turni Sito parzialmente accessibile (cortile e piano terra) ai disabili

Un po' di storia

Le prime notizie relative alla fortificazione del luogo in cui sorge il castello di Issogne risalgono all'anno 1151, quando una bolla di papa Eugenio III documenta la presenza di un dominio del vescovo di Aosta in Issogne. In realtà sullo stesso sito già dal I secolo a.C. era esistito un edificio romano, di cui ...

continua...

Gli affreschi
Il castello di Issogne e' ricco di decorazioni pittoriche, eseguite da artisti differenti, non sempre noti o identificabili, in un arco di tempo relativamente breve, a cavallo tra la fine del XV e la prima parte del XVI secolo.
Entrando nel castello si incontrano subito le lunette delle botteghe artigiane e del corpo di guardia sotto le volte del portico. Questi affreschi che ci mostrano la bottega del sarto, la...

continua...

I graffiti del castello

Nell'incipit di Notre Dame de Paris Victor Hugo ci racconta che frugando sulle pareti, nelle gallerie della grande cattedrale francese era forse possibile ad un occhio attento trovare qualche traccia di una parola scritta da mano ignota e ormai cancellata da nuovi strati di intonaco; e così con lo scorrere del tempo il segno scompare, della parola incisa nella tenebrosa torre di Notre Dame rimane solo il ricordo, finché...

continua...

Il castello, piano per piano

Piano Terreno

Il bel portone in pietra [1] con il profilo a chiglia e lo stemma della famiglia Challant costituiva, in origine, l'ingresso principale al castello; tuttavia essendo aperto nella torre orientale del complesso, si affaccia sulla piazza del paese di Issogne e motivi pratici hanno consigliato di disporre l'ingresso ai visitatori sul lato ovest, come è ampiamente indicato in loco.
Dall'ingresso primitivo si aveva accesso diretto al portico [2] che si apre sul cortile [A] e sul giardino [B] e che distribuisce agli ambienti della sala da pranzo, della cucina e ad un...

continua...

Gli Challant

Il Castello di Issogne non è solo un pregevole esempio di architettura ed un ricco catalogo di decorazioni pittoriche, ma davvero se lo guardiamo con attenzione e cercando di calarci nella mentalità del XV-XVI secolo, ci si svela come un libro su cui possiamo leggere la storia della famiglia Challant; e poiché questo libro è stato scritto proprio da un membro della famiglia, il priore Giorgio di Challant, non può che tendere ad una compiaciuta autocelebrazione...


continua...

Sito ottimizzato per IE 4.X o sup. a 800X600 px o sup.
     
© 2001 scaricato da www.formecolori.it